martedì 20 settembre 2016

Alimentare: Toscana a Salone gusto con meglio sue produzioni

FIRENZE, 20 SET - Circa cinquanta espositori in rappresentanza di alcune delle migliori produzioni agroalimentari della nostra regione, una App e un programma di tre degustazioni per immergersi in un museo virtuale, dove i prodotti Dop, Igp e i presidi Slow food sono rappresentati come se fossero delle opere d'arte, spiegandone la storia, le origini e abbinando a percorsi gastronomici e turistici. Sono alcune delle novità con le quali la Regione Toscana partecipa al Salone del gusto, la grande kermesse dedicata al cibo organizzata da Slow Food che si tiene ogni due anni a Torino, in programma dal 22 al 26 settembre. La presenza della Regione è stata presentata oggi a Firenze dall'assessore toscano all'agricoltura Marco Remaschi, insieme, tra gli altri, al vicepresidente di Slow Food Toscana Massimo Bernacchini. Tra le varie iniziative, il 23 settembre, nel Castello del Valentino di Torino, si terrà il convegno 'La Toscana: eccellenze, innovazione e legalità' alla presenza di Remaschi, del presidente di Slow Food Toscana Raffella Grana, e del presidente della commissione agricoltura della Camera Luca Sani. "A un anno da Expo, la Toscana torna ad essere presente a questa importantissima iniziativa forte anche della grande collaborazione con Slow Food, che sappiamo avere una grande capacità di penetrazione - ha commentato Remaschi -. Queste sono realtà dove la Toscana deve essere sempre presente con le sue buone pratiche tra cui voglio sottolineare la legalità e la tracciabilità dei suoi prodotti, a tutela di tutti quegli imprenditori, e sono tantissimi, che fanno la differenza proprio con la qualità e la sicurezza alimentare". La Toscana, ha proseguito l'assessore, "è presente a Torino con il coinvolgimento del territorio, dei suoi produttori, per evidenziare tutto ciò che stiamo mettendo in campo per valorizzare le eccellenze in modo che rappresentino le identità territoriali e i processi legati alla biodiversità, in una crescita complessiva del nostro sistema".

sabato 17 settembre 2016

Pistoia capitale cultura, anteprima Blues festival con John Mayall

Per l'anno di Pistoia capitale italiana della Cultura (2017), il blues invade la città anche in inverno. Il prossimo 23 febbraio arriverà infatti al teatro Manzoni, per un appuntamento invernale, il padre putativo del rock-blues britannico: John Mayall. L'ottantaquattrenne polistrumentista farà due sole apparizioni in Italia, proprio nelle due città - Mantova e Pistoia - nominate capitali della cultura per gli anni 2016 e 2017. "Il concerto di John Mayall a Pistoia sarà una prima tappa di avvicinamento al festival blues del luglio 2017 e una degna anteprima del calendario musicale estivo dell'anno di Pistoia capitale della cultura", spiegano gli organizzatori.

venerdì 16 settembre 2016

Scuola: Toccafondi, questo Governo ha investito più di altri

PISTOIA, 16 SET - "Gli uffici scolastici, regionale e provinciale, stanno lavorando per comprendere caso per caso, però vorrei rassicurare tutti, soprattutto chi lavora nel mondo della scuola: nessun governo ha mai investito così tanto in questo settore e nessun governo ha previsto in poco meno di un anno un piano di assunzioni a tempo indeterminato come noi".  Lo ha detto Gabriele Toccafondi, sottosegretario di Stato al Ministero della Pubblica istruzione, oggi a Pistoia, a margine di un incontro sulla formazione nel vivaismo, che si è svolto al Nursery Campus della Vannucci Piante, rispondendo a chi gli chiedeva a quali soluzioni si sta pensando dopo il caos che ha contraddistinto questo inizio d'anno scolastico, in particolare per quanto riguarda le nomine degli insegnanti a Prato e Pistoia. "Quasi 120mila insegnanti - ha aggiunto -, tra settembre 2015 e questi mesi sono stati assunti a tempo indeterminato". E per l'edilizia Toccafondi ha spiegato che "due miliardi sono stati inseriti in vari bandi, abbiamo invertito la rotta".

sabato 10 settembre 2016

Dal 9 all'11 settembre il piccolo borgo di Buonconvento, in provincia di  Siena, si trasforma in un paradiso per gli amanti di birra artigianale e  buon cibo toscano

Il primo giorno, venerdì 9, è dedicato al Pre-Villaggio, una serata di 
inaugurazione che si distingue dai giorni seguenti per l'offerta birraria e per la 
partecipazione attiva dei publican di tutta Italia, chiamati a spillare birra e a 
festeggiare insieme a noi. Quest'anno, in collaborazione con Cervezas 
Artesanas Lupulus di Saragozza, vi presenteremo una selezione di birre dal 
"nuovo mondo" birrario europeo: la Spagna. 
Il secondo giorno, invece, si apre ufficialmente il Villaggio della Birra. E inizia 
anche l'animazione per bambini, con una zona interamente dedicata a loro, 
giochi e una truccatrice per il face-painting. Alle 15 Kuaska, beer taster di 
fama internazionale, terrà il primo laboratorio per presentare ai partecipanti i 
birrifici che per la prima volta intervengono al Villaggio. Inoltre, riserverà un 
momento (alle 17, aperto a tutti) per salutare anche le vecchie conoscenze 
del festival e approfondire il percorso del birrificio. Alle 18, tra uno spettacolo 
di giocoleria e uno spuntino a km0, il secondo laboratorio della giornata 
proporrà un abbinamento davvero eccezionale: sigari e birra, coordinato dal 
club Amici del Toscano. Dalle 21:30 in poi, invece, ci scateneremo con due 
concerti: De Sjappies (Cover Rock/Pop) e alle ore 23:00 ospiteremo una 
tappa del Love Manifesto Summer Tour 2016 dei Black Beat Movement! 
Il terzo giorno daremo spazio agli homebrewer. A partire dalle ore 10, 
inizieranno i lavori della giuria per il VI Concorso Homebrewers per vagliare 
le birre presentate e decretare la migliore (in collaborazione con MoBI). Alle 
12, potrete assistere a una cotta pubblica dimostrativa, per capire come si fa 
una birra in casa. Il programma dell'ultimo giorno di festival segue la struttura 
di quello precedente: ancora animazione per bambini, un nuovo laboratorio 
condotto da Kuaska (diverso da giorno precedente), l'abbinamento sigari e 
birra fino ad arrivare alla sera, quando le sonorità rock delle due band che 
abbiamo scelto per voi vi prepareranno alla lunga e intensa notte del Villaggio 
della Birra. I maghi di Ozzy e il grande batterista Mike Terrana con i Tip's 
Included saranno la ciliegina sulla torta per chiedere in bellezza questi tre 
giorni di allegria.
I birrifici partecipanti sono 34 e provengono soprattutto da Belgio, Italia e Stati 
Uniti, ma non mancano rappresentanze spagnole, olandesi, greche, canadesi 
e britanniche per un totale di oltre 200 birre artigianali

sabato 18 giugno 2016

A cavallo a Santiago, come i pellegrini di 900 anni fa. Gruppo pistoiesi in sella per il 'Camino'

PISTOIA, 18 GIUGNO -  Andranno da pellegrini a Santiago di Compostela e non a piedi ma a cavallo percorreranno il famoso "Camino". Sono sei cavalieri toscani della provincia di Pistoia. Li guida Mario Menici, istruttore di trekking equestre.  Lunedì il drappello dei pellegrini salirà a cavallo in terra spagnola, ad Astorga, nei pressi di Madrid, e di qui affronterà il percorso di 275 chilometri che li porterà alla basilica di Santiago. Le tappe varieranno da 53 a 35 chilometri al giorno, e saranno coperte non solo al passo ma anche a trotto e al galoppo. Se la regola del Camino di Santiago è il pellegrinaggio a piedi o in bici, quello a cavallo è un'eccezione rara. Pistoia fin dal Medio Evo è legata all'apostolo San Giacomo, del quale conserva una reliquia nella cattedrale di San Zeno. Quando l'arcivescovo di Santiago la concesse furono inviati a Santiago due pistoiesi, Tebaldo e Medovillano, che presero la reliquia e nel luglio del 1144 la portarono a Pistoia. A cavallo, come i sei pellegrini, adesso, quasi 900 anni dopo.     I partecipanti, età media fra i 40 e i 50 anni, sono Silvia Sandri, Antonio Galasso, Ilaria Fronti, Gabriele Bini con il figlio quindicenne Riccardo, il più giovane della comitiva.